Associazione culturale Riminese
Prossimo evento fra
Sei il visitatore: 277520

Stage di Danze Rinascimentali

20.04.2013

L’Associazione Culturale
di Promozione Sociale
FERMENTO ETNICO

Organizza per il week-end di
Sabato 20 e Domenica 21 Aprile 2013
Uno stage di
DANZE RINASCIMENTALI
Nell’ambito delle iniziative che l’Associazione ha previsto per conoscere le origini delle danze tradizionali, organizziamo uno stage su un repertorio di grande interesse e fascino come quello antico.
Lo stage, condotto dall’esperta Bruna Gondoni, si terrà presso la
Scuola Elementare “Ferrarin”
Via Ferrarin, 16 – a Bellaria Igea Marina (RN)
ed avrà una durata di c.a. 8 ore nei due giorni con il seguente orario:
sabato dalle 16,00 alle 19,00 (si consiglia di arrivare un quarto d’ora prima dell’inizio per completare le iscrizioni);
domenica mattina dalle 10,00 alle 13,00 ed il pomeriggio dalle 15,00 alle 17,00.
Il costo dello stage è di Euro 45,00 ed è previsto uno sconto del 10% per i gruppi famigliari e del 50% per i minori di 18 anni (solo sabato pomeriggio o solo domenica euro 25,00).

Nel caso veniste da fuori ed aveste bisogno di pernottare in loco, vi sono delle possibilità di alloggio a prezzi modici concordati con l’hotel Pozzi di Bellaria, poco distante dalla sede dello stage [Tel. 0541.349213 – Romina] oppure presso il B&B Anemone di Cervia [3331823807 – Paola], i quali offrono pernottamento e colazione a € 20,00/25,00; per quanto concerne l’eventuale esigenza dei pasti, abbiamo raggiunto una convenzione con un ottimo ristorante del luogo che ci offrirà un menu completo (compreso di bevande e caffè) con la modica spesa di € 15,00 sia per la cena del sabato 20 che per il pranzo di domenica 21 Aprile.

E’ consigliata la prenotazione e l’iscrizione anticipata allo stage, considerato che è a numero chiuso e che sarà attivato al raggiungimento minimo di 15 iscritti. Le adesioni dovranno pervenire entro la mattina di sabato 20/04/2013 chiamando in ore pomeridiane o serali al 3923905508 (Gilberta) oppure scrivendo a info@fermentoetnico.org

LE DANZE NOBILI DEL XV° E XVI° SECOLO
Nelle corti italiane del 1400 e 1500 la festa era un momento d’incontro per scambi politici, conoscenza fra casate, dimostrazione del proprio status.
E’ proprio nell’ambito delle sontuose feste allestite per nozze, fidanzamenti, ambascerie e visite di duchi e marchesi, che la danza trova la sua collocazione principale
Curata e documentata in ambiente colto (ma spesso ispirato o attinto direttamente dal repertorio popolare), da maestri di ballo impregnati della cultura filosofica, alchemica, astronomica e matematica della corte, essa diventa l’espressione delle ricerche spaziali, dei rapporti matematici ed esoterici che regolano il cosmo e le trasmutazioni degli elementi.
Il nobile doveva saper usare la spada, andare a cavallo e danzare. La danza era l’arte della memoria, della maniera e dell’aere (leggerezza del corpo). Inserendosi quindi come talune pratiche ed arti nella vita del nobile, gli permette di raggiungere quell’Armonia così anelata nel nostro Rinascimento.
Guglielmo Ebreo, uno dei primi maestri dell’arte del danzare, inizia così il suo De Pratica Seu Arte Tripudi Vulgare Upusculum : “Dall’armonia suave el dolce canto che per l’audito passa dentro al core. Di gran dolcezza nasce un vivo ardore da cui el danzar poi vien che piace tanto”.
Ogni danza trattata verrà accompagnata da una fotocopia del testo originale e della ricostruzione fatta dall’insegnante.

Curriculum dell’insegnante Bruna Gondoni
Segue il corso di Scrittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze e si avvicina alla danza classica e contemporanea frequentando la Dance Theatre School e l’Imago Lab di Firenze.
Dal 1982 si interessa alla danza rinascimentale collaborando come interprete, coreografa e insegnante con la compagnia di danza antica “Il Ballarino” fondata da Andrea Francalanci, e con essa partecipa a numerose tournees e creazioni teatrali in Europa, in America ed in India.
Nel 1988 danza con la compagnia francese “Ris et danceries” di Francine Lancelot nella creazione “Tempore et mesura” per la Biennale della Danza di Lione e per il Maggio Musicale Fiorentino.
Nel 1989 prende parte alla realizzazione televisiva, per la Thames TV (Londra), “una stravaganza dei Medici”. Lavora poi al Teatro Nazionale di Strasburgo e al Festival Barocco di Versailles e alle celebrazioni di Claudio Monteverdi al Teatro Ponchielli di Cremona.
Danza e coreografa con il gruppo di musica antica londinese Tavener Consort diretto da A. Parnot “Il Ballo delle Ingrate” al Festival di Duisburg, per il Teatro Massimo di Palermo “La Dafne” di M. da Gagliano, diretta da G. Garnido e per il Festival d’Ambronay l’opera del 1851 “Le Ballet comique de la Royne”.
Nel 1996 coreografa per Le Ballet du Rhin il pezzo “De la bellezza”.
Nel 1997, Marika Bresobrasova, direttrice dell’Accademia di danza classica Princesse Grace di Montecarlo, l’ha invitata per coreografare le danze di corte eseguite durante i festeggiamenti dei 700 anni di regno dei Principi Grimaldi.
Ultimamente ha partecipato al “Medina Festival” di Tunisi; al Festival del Palais de Beaux- Arts di Bruxelles, al Festival Musicale di Buenos Aires, al Camino del Baroco a Santiago, al Festival di Baranquilla in Colombia, di Torino Settembre in Musica, di Kyoto, al Boston Early Musci Festival, al Palau de la Musica Catalana di Barcellona ed altri.
In qualità di insegnante tiene regolarmente corsi di danza al Centro di Musica Antica di Ginevra e all’Accademia di Danza e Musica Antica di Sablé.
Ama far coesistere le attività di ricerca, insegnamento e spettacolo con esperienze diverse quali: la danza barocca; la danza contemporanea; il tai-chi; lo yoga; il trekking in Nepal e le danze sacre.
Frequenta l’Università europea Samadeva con sede vicino a Strasburgo (antropologia, yoga dei dervishi, psicologia).

Newsletter

Vuoi ricevere le ultime notizie sulle iniziative di FERMENTO ETNICO puntualmente via e-mail?
Compila il modulo sottostante ed il tuo nominativo sarà  inserito nella nostra Mailing List.

seguici sui social

sito realizzato da
75lab.com